Filetto di manzo alle erbe

Quanto è importante il metodo di cottura per ottenere un ottimo risultato? Con il mio nuovo forno ho preparato uno squisito filetto di manzo alle erbe.

ricetta filetto di manzo alle erbe vzug

Questa estate il mio forno mi stava abbandonando e nonostante facesse caldo, non potevo pensare di rimanere senza. Mi sono subito messa alla ricerca di un buon prodotto; trovato! Il forno VZug è l’ultimo arrivato nella mia cucina e sono già convinta che sarà un valido aiuto per me. Sforno e inforno, inforno e sforno per provare tutte le sue funzioni. Oltre alle classiche, tante altre interessanti ma la cosa fondamentale è che è semplicissimo da utilizzare.

Tasti a sfioramento, display retroilluminato e facciata tutta a specchio. Per me che non piace specchiarmi, un forno che  rispecchia molto quello che sono.

ricetta filetto di manzo alle erbe

Pensate che ha addirittura una “gourmet guide” dove posso memorizzare tante delle mie ricette, in modo da averle sempre a portata di mano. Mentre con il tasto “EasyCook” ho scoperto tanti programmi già impostati per cucinare carne, pesce, dolci, verdure … insomma di tutto. Ho scelto l’ingrediente ed il tipo di cottura che volevo e sul display mi sono comparse le varie operazioni fa effettuare, passo a passo. 

Semplicissimo e veloce da utilizzare! 

Domenica ho voluto provare la cottura lenta e delicata per cuocere il mio filetto di manzo alle erbe. Dopo aver raccolto un mix di erbe aromatiche dai vasi che ho sul terrazzo, ho preparato un bel trito con cui ho massaggiato per bene il filetto. L’ho messo in un tegame con qualche cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e l’ho rosolato sul fuoco a fiamma alta rigirando la carne affinchè risultasse sigillata da tutti i lati. Poi ho trasferito il filetto in una pirofila di ceramica, ho infilato la sonda di temperatura al centro della carne, spingendola bene in fondo e l’ho collegata al forno. Scegliendo poi il programma adatto per cuocere il filetto, ho dimenticato la mia carne in forno per circa 3 ore. Una cottura molto lenta ma con una temperatura molto bassa, circa 55°. E’ stata la sonda di temperatura a “decidere” quando la carne era cotta al punto giusto e un segnale sonoro mi ha avvisato che era il momento di estrarre la pirofila dal forno. Mi raccomando, non lasciatela in forno a raffreddare perchè continuerebbe la cottura rovinando il risultato finale.

A me e ad Andrea piace molto il roast beef o la tagliata di manzo. Basta fare un giro sul mio blog per trovare tante ricette gustose: dalla tagliata al parmigiano e porcini alla tagliata con crema di rosmarino, oppure il roast beef e salsa di rucola, roast beef con radicchio, zola e noci. Insomma sono tante le versioni per accompagnare questa carne ma stavolta abbiamo voluto mangiarla il più semplice possibile, quasi in purezza, solo con il trito di erbe. 

E’ proprio vero che una cottura fatta a regola d’arte può esaltare il piatto, con VZug l’ho proprio provato, era veramente una carne speciale. Anche mio marito che non ama moltissimo la carne troppo cruda, è rimasto sorpreso. Un filetto croccante fuori ma tenerissimo e rosato al centro, senza rilasciare sangue. 

Penso proprio che una delle prossime funzioni che proverò sarà quella per essiccare frutta e verdura … poi vi aggiorno 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.