In cima con Braulio

page

Per festeggiare il suo 140° compleanno siamo andati in cima con BRAULIO sorvolando lo splendido panorama delle montagne altoatesine.

Carissimi qualche giorno fa ho passato un paio di giorni in montagna in Val Sarentino, in un posto incantevole, due giorni all’insegna del relax e del buon cibo. Grazie a BRAULIO famoso amaro alpino alle erbe, che quest’anno compie 140 anni20151106_221956

Infatti è proprio 140 anni fa, nel 1875 che un farmacista, il Dottor Peloni appassionato di montagna, in particolare del suo paese natio Bormio e del Monte Braulio, realizzò con cura e con amore questo Amaro con l’infusione di erbe aromatiche, bacche e radici che la natura del posto gli offriva.
La ricetta di questo gioiello è tutt’ora segreta, custodita e tramandata da generazione a generazione ma mai modificata. Si è solo a conoscenza di 4 delle tante erbe presenti nell’amaro: la genziana, il ginepro, l’assenzio e l’achillea moscata. Resta il fatto che Braulio è un ottimo amaro da gustare a fine pasto ed assaporare appieno il gusto di montagna.

A Bormio è possibile visitare le cantine (info sul sito www.braulio.it)

Ancora oggi a Bormio è possibile visitare le cantine dove riposa in infusione l’Amaro Braulio in botti di rovere di Slavonia, cantine che si snodano sotto la via Roma che si trova nel cuore del paese. L’Amaro classico riposa sino a due anni nelle botti, mentre il Gran Riserva lanciato nel 2000 per dare un tocco di modernità, riposa fino a tre anni per ottenere così un Amaro a produzione limitata con un’aroma e un gusto molto più intenso.20151107_010010

Così per celebrare questi suoi 140 anni, Braulio brand del Gruppo Campari (www.camparigroup.com) ha rinnovato il sito www.braulio.it e la nuova pagina Facebook (facebook.com/amarobraulio.official) creando il concept #MADEinCIMA studiato dall’agenzia milanese True Companyconcept attorno a cui sono stati creati tanti aventi per festeggiare l’Amaro.

Auener Hof IIPassione Cuoca ha avuto il piacere di partecipare ad uno di questi eventi. Un week end in Val Sarentino in Alto Adige, godendo di un panorama rilassante grazie anche alle belle giornate di sole particolarmente caldo per essere a novembre inoltrato.

Lo chef Heinrich Schneider e il suo ristorante Auener Hof Dining Home, il più alto ristorante Stellato Michelin d’Italia.

Durante il week end abbiamo potuto assaporare i deliziosi piatti cucinati dallo chef Heinrich Schneider nel suo ristorante Auener Hof Dining Home il più alto ristorante Stellato Michelin d’Italia gestito insieme alla sorella Gisele, un ristorante dove la posizione e la cucina sono d’eccellenza. Heinrich Schneider è uno Chef che ama la sua terra, che ama raccogliere le erbe spontanee del posto per farle diventare ingredienti particolari e ricercati dei suoi piatti. Un ristorante molto particolare anche nella sua struttura, dalla cucina a vista rigorosamente in ordine, dove lo Chef con il suo staff molto preparato hanno cucinato le fantastiche portate che ci sono state servite.

20151107_130120Realizzata sopra alla sala ristorante, anch’essa a vista e molto fornita, una cantina. E all’esterno una veranda per deliziarsi del panorama circostante.

Panorama che è stato ancora più mozzafiato se, come è capitato a noi, viene visto dall’alto sorvolando la vallata in elicottero: un’ esperienza unica e fantastica! 

Un fantastico week end all’insegna del relax e del buon cibo.

Concludere il pasto con un bicchierino di Amaro Braulio, magari Gran Riserva è un vizio che si prende volentieri. 

Un abbraccio

Lorena

AH_pano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lorena

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: