La cucina: come organizzarla al meglio

organizzare la cucina

 

La cucina ha bisogno ordine e organizzazione, apprendiamo alcuni piccoli consigli e impariamo a disporre al meglio le provviste.

Buongiorno cari, iniziamo insieme un nuovo week end organizzando la cucina,  il focolare domestico, il fulcro attorno al quale gira la vita dentro la nostra casa. Una volta si diceva che la cucina era il regno delle donne ma credo che ai giorni d’oggi ci siano anche tanti maschietti che amano dilettarsi in cucina. Ma come per tutte le cose, per lavorare al meglio, sono necessari ordine e pulizia; tanto più c’è ordine quanto più avrete sotto controllo cosa avete in casa ed evitate sprechi e rifiuti. Per questo è fondamentale anche controllare spesso le date di scadenza. Andiamo a scoprire insieme alcuni punti fondamentali da tenere in considerazione.

Partiamo dalla disposizione delle provviste nella dispensa.

Iniziate a mettere la pasta e il riso divisi per formato in appositi contenitori trasparenti in modo che si possa vedere cosa contengono; preferite contenitori a base quadrata o rettangolare perchè occupano meno spazio di quelli a base rotonda. Scegliete sempre contenitori dello stesso modello e linea in modo che si possano impilare ed occupino il minor spazio.

Una regola importante: consumate prima il vecchio. Se state per terminare un formato di pasta e ne comprate dell’altra dello stesso formato, prima di versare l’ultima acquistata nel contenitore, assicuratevi di consumare il residuo altrimenti vi rimarrà sempre quella vecchia sul fondo del contenitore e rischiate che scada. Piuttosto, adesso esistono in commercio delle confezioni di pasta mista per cui se avete avanzi di più formati simili, mischiateli ma fate attenzione che abbiano tutti più o meno lo stesso tempo di cottura.

Sarebbe preferibile avere una dispensa che, una volta aperta, ci permetta di vedere tutte le cose senza doverne nascondere altre dietro ma spesso non è possibile. Se propiro dovete, fate in modo di mettere dietro alimenti che hanno una scadenza lunga in modo che li controllate periodicamente. Oppure mettete dietro le scatole intere di pasta che andranno poi messe nel contenitore una volta consumato il residuo.

Dividete in modo logico la dispensa così da avere tutta la pasta su un ripiano, il necessario per la colazione su un altro, lo scatolame raggruppato ecc.

Anche la farina, o meglio le farine (leggi l’articolo sulle varie farine) andrebbe messa nei contenitori indicando all’esterno il tipo di farina che contiene (0, 00, 1…).

Legumi e cereali, una volta aperta la confezione, conservateli in barattoli ben sigillati per evitare che prendano l’umidità.

Anche le patate, l’aglio e la cipolla vanno tenute in dispensa, non vanno messe in frigorifero. L’errore più grande da fare è mettere le patate in frigorifero perchè il freddo trasforma parte dei suoi amidi in zuccheri e gli danno un sapore dolciastro sgradevole. Conservatele in una scatola di cartone o una cassettina di legno, in un luogo asciutto e con poca luce. Evitate di mangiare patate germogliate o con macchie verdi perchè contengono una sostanza che, se assunta in dose elevata, può creare disturbi al nostro organismo come vomito e problemi intestinali. Anche le cipolle vanno conservate come le patate ma una volta tagliata una cipolla, la parte in avanzo va messa in frigorifero. Tenete cipolle e patate in due scatole divise. L’aglio invece conservatelo in un sacchetto tipo quello del pane. 

la cucina

Ci sono poi gli alimenti che vanno conservati in frigorifero: le regole principali sono quelle di riporre in alto, nella zona meno fredda, i latticini e i formaggi; al centro carne e salumi e nella parte inferiore la frutta e la verdura. Uova e  bottiglie vanno messe nell’anta. A proposito lo sapete che per una migliore conservazione le uova andrebbero riposte con la parte più stretta verso il basso? Anche per il frigorifero esistono appositi contenitori ermetici che evitano problemi come annerimento dei salumi aperti, indurimento del formaggio ecc. Dato il principio che in frigorifero ci sono alimenti più deteriorabili per cui con una scadenza più breve, è opportuno fare un controllo molto spesso delle date di scadenza.

In una cucina che si rispetti non mancano certo i piccoli elettrodomestici che vanno tenuti il più possibile a vista, pronti all’uso. Non preoccupatevi se potrebbe sembrare in disordine, al contrario è una cucina vissuta. Nascondere gli elettrodomestici negli armadietti vi farà solo venire la pigrizia di adoperarli. 

E che dire dei taglieri? L’ideale sarebbe averne più di uno per poterli destinare ad usi diversi ed evitare che la frutta sappia di cipolla perchè è quello che avete tagliato prima e nonostante lo abbiate lavato con cura, certi odori persistono. Ricordate sempre di mettere in lavastoviglie i taglieri di legno.

Tenere sempre libera e pulita una buona parte di piano di lavoro per poter cucinare.

Con questo vi auguro un buon week end e dopo aver sistemato la cucina non dimenticatevi di cercare qualche ricettina sul Passione cuoca e cucinare.

Un abbraccio

Lorena

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.