La Val d’Orcia, i suoi paesaggi e i crostini

Va dove ti porta il cuore … e a me porta sempre in Toscana: alla scoperta della Val d’Orcia.

E’ inutile, se penso di trascorrere qualche giorno di vacanza per rigenerare mente e corpo alla fine scelgo sempre la Toscana, terra che io e mio marito adoriamo. Stavolta siamo andati alla scoperta della Val d’Orcia: ogni volta posti meravigliosi, angoli di paesaggio che ci lasciano con il fiato sospeso  e cibo eccellente. In Toscana ci sono tanti prodotti locali che non passano inosservati nemmeno alla persona più inappetente, vere e proprie squisitezze per il palato. Ovviamente abbiamo fatto il pieno assaggiando crostini di ogni tipo, a noi piacciono molto, stuzzicanti, abbiamo provato quelli con i fegatini che lì sono il top o quelli con pecorino toscano e lardo di Colonnata. 

Dopo vi lascio la ricetta perchè sono sicura che proverete a farla, una vera squisitezza.

Il tour della Val d’Orcia ci ha portato a visitare paesi molto caratteristici, tipici di questa terra, con colline ricoperte da vigneti e ulivi. Tanti i paesi da visitare, ci vorrebbe un mese intero, ma noi avevamo a disposizione solo pochi giorni per cui si è scelto tra i più conosciuti. 

Iniziando dalla famosa Montalcino, rinomata per il suo prezioso vino “il Brunello”, si fanno quattro passi in questo borgo medievale situato su una collina che domina il paesaggio meraviglioso sottostante. 

val d'orcia abbazia sant'antimoUna tappa a Castelnuovo dell’Abate è d’obbligo per visitare l’antichissima Abbazia di Sant’Antimo che risale all’800, finita in uno stato di decadenza nel corso degli anni per poi essere restaurata dopo la metà del 1800.

Se vi capitasse di passare non perdetevi il concerto dei Canti Gregoriani, antichissima tradizione dell’Abbazia, eseguito con cori di alto livello. La musica sacra e, in particolare, il Canto Gregoriano fanno parte della  liturgia dei monaci benedettini che per secoli hanno abitato l’Abbazia.

 

val d'orcia pienza

 

Non potevamo certo non visitare Pienza, l’acquisto del famoso pecorino era necessario per preparare i crostini con pecorino e lardo 😉

Pienza è un borgo molto piccolo arroccato in cima ad un colle che gli conferisce una vista mozzafiato sul paesaggio sottostante.

 

 

 

E come promesso la ricetta dei crostini che abbiamo mangiato e che ovviamente sono corsa a rifare una volta a casa.

Ingredienti

  • pane a fette (io ho utilizzato il pane sciapo Toscano)
  • lardo di colonnata
  • pecorino Toscano
  • miele di acacia

 

val d'Orcia crostini pecorino e lardo

Procedimento

Prendete del pane a fette, che sia Toscano ma se non lo trovate va bene anche quello di Altamura.

Fatelo tostare da un lato su una bistecchiera antiaderente.

Giratelo, mettete sopra delle scaglie di pecorino Toscano tagliate sottilmente e lasciatelo tostare.

Togliete i crostini dal fuoco, metteteli su un piatto di portata, appoggiatevi sopra a ciascun crostino abbondante lardo di colonnata affettato sottile. Mi raccomando mettetelo quando sono ancora caldi in modo che con il calore del crostino il lardo tenda a sciogliersi.

Come ultimo tocco passatevi sopra un filo di miele che si sposa benissimo con questi due ingredienti.

Buon appetito

Lorena

 

Se ti è piaciuta la ricetta condividila sul tuo profilo social ed invita anche i tuoi amici a visitare il mio blog 😉

Se vuoi  ricevere le mie ricette iscriviti alla Newsletter gratuita (trovi il campo qui sul blog) e riceverai tramite mail ogni ricetta pubblicata.

Visita  anche la mia pagina  Passione Cuoca su Facebook, per rimanere sempre aggiornati. Mi trovi anche su Instagram e Twitter.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.